Nuovi tessuti di Katia: la linea Fabrics

Nuovi tessuti di Katia: la linea Fabrics

Benvenuto Alberto Bana, grazie prima di tutto per aver accettato di essere intervistato e di condividere con noi questa meravigliosa novità Katia. Possiamo dire che ormai per tutti noi sei il volto di Katia in Italia: grazie alla tua passione e dedizione ci hai fatto scoprire in questi ultimi anni dei filati meravigliosi. Nella collezione primavera/estate dell’azienda c’è qualcosa di innovativo per le appassionate di creatività: i tessuti e i cartamodelli dedicati, con linee moderne e portabili.

Ciao Emma, e grazie per questa intervista. Dici il volto di Katia in Italia? Intanto sveliamo un piccolo segreto: Katia non è il nome di una persona ma del primo filato su gomitoli uscito in vendita in Spagna per la ditta che poi si è specializzata in questo genere di prodotto per poi farne uno dei primi marchi europei. La mia passione nasce da lontano, dove abito io il tessile è di casa, tanto è vero che sono perito tessile; poi i tessuti con le fibre più pregiate, poi i filati industriali e poi, finalmente, i nostri amati gomitoli. E in Katia, da questa stagione abbiamo anche i tessuti, ma come sempre non ci bastava fare solo quello, ti pare?

Come nasce questa nuova linea?

La linea Fabrics nasce dal progetto di alcune persone di Katia che amando il cucito si sono rese conto che non trovavano cartamodelli a loro gusto. Due anni di prove, test, ricerca di stili sia per quello che riguarda le forme che quello che riguarda le stampe e i colori e quando, durante una riunione  dello scorso anno è stata presentata alla forza vendita europea, persino i più scettici fra noi si sono alzati ad applaudire. Le riunioni in Katia sono un argomento a sè, che meriterebbe un capitolo a parte  🙂

Tessuti per l’abbigliamento moderni ed eleganti con modelli dedicati…

 Katia, nella parte filati, ha creato un suo stile che affianca ai filati una serie di modelli.  Per la stagione invernale abbiamo 9 riviste e per l’estivo 5. Un lavorone, e tu ne sai qualcosa. Per Fabrics si è voluto partire dallo stesso concetto: modelli, tanti, affiancati ai tessuti.

Non solo popeline, ma anche jersey e canvas con tante idee creative sul sito.

La collezione Fabrics è divisa per temi, quindi le stampe sono armonizzate per colori e disegni. E le idee sono state premiate, infatti i modelli hanno fatto la differenza. Il progetto prosegue e per l’autunno/inverno 2018 ci sono diverse novità.

Ci puoi svelare qualcosa, sai che sono curiosissima di natura.

Oh, sì!!! C’è un tessuto nuovo, che si affianca al popeline e al jersey. (Aiuto… come si chiama??? Felpa? Maglina? 🙂  Abbiamo mirato, dopo l’esperienza estiva, i modelli, spostandoci molto su bebè e accessori vari. Hai un pacchetto in arrivo… cosa ci sarà?

Katia pensa al total look, creando tessuti con cui creare vestiti e accessori, abbinabili a capi o maglie realizzati con i filati. Mi piace come concetto: ci puoi raccontare qualcosa.

Sì, ma il concetto può essere anche slegato. Siccome Fabrics ha ambizione e vuole camminare con le sue gambe. I risultati ammetto che ci sono, in realtà i modelli che presentiamo sono slegati dal filato. Poi alcuni negozi hanno creato degli abbinamenti maglia e tessuti molto interessanti; infatti i colori delle due collezioni si integrano molto bene.  

Alberto, grazie di cuore per averci dedicato il tuo tempo e averci raccontato questa bellissima storia dedicata alla creatività.
Emma, sai che dopo che ho tentato di avvelenarti non posso dirti di no. 🙂 Tornando serio, grazie a te per la bella opportunità e per tutto quello che fai nel nostro settore.
Molto del fermento di questo periodo è sicuramente merito tuo!!!